Cuneo, Petruzzelli non cerca alibi: “Brescia superiore ma abbiamo regalato troppo”

Dopo la sconfitta interna per 1-4 contro il Brescia, il tecnico del Cuneo Gianluca Petruzzelli  – su “Chi dice donna dice calcio” – non cerca alibi e, al contrario, chiede maggiore attenzione e concentrazione alle sue giocatrici: “C’è differenza di qualità tra noi e loro, che hanno calciatrici superiori alla media. Noi proviamo a sopperire con l’organizzazione, ma alla lunga diventa difficile. Non sono soddisfatto della partita perché abbiamo provato delle cose in settimana che non sono venute. In certe occasioni le ragazze sono state troppo rinunciatarie e non hanno letto situazioni che avevamo provato in allenamento. Sicuramente loro sono una grande squadra e hanno meritato la vittoria, però è ovvio che se a squadre così regali i primi due gol, per non parlare del terzo e del quarto, loro ne approfittano. Se non avessimo regalato loro i primi due gol, magari avremmo potuto provare a metterle in difficoltà. Quello che mi preme dire è che magari qualche ragazza si è montata un po’ il testone perché a calcio bisogna giocare in undici, bisogna giocare la palla quando è ora, bisogna tentare il dribbling quando è ora e calciare quando è ora. Questo, dal mio punto di vista, non è stato fatto, o almeno è stato fatto solo in minima parte. Ero molto più contento le settimane precedenti da un punto di vista di mentalità, questo mi dispiace e lunedì sicuramente mi farò sentire. Se qualcuna pensa di aver fatto qualcosa di importante andando a vincere a Chieti si sbaglia di grosso perché il campionato è lunghissimo e difficilissimo. Questo è un discorso di squadra intera, non di singolo. Fino adesso, comunque, abbiamo fatto bene e non ho nulla da recriminare alle ragazze. Dobbiamo limitare i regali, specialmente contro squadre attrezzate come il Brescia”.

Post Correlati

Leave a Comment