Gabbiadini: “Un 2016 che non dimenticherò, Verona una seconda famiglia”

Questa mattina, ospite ai microfoni di Radio Sportiva, Melania Gabbiadini ha tracciato un bilancio del suo sfavillante 2016, costellato di soddisfazioni personali come l’entrata di diritto nella Hall Of Fame del calcio e l’ultimo riconoscimento legato alla prestazione in Nazionale, il Pallone Azzurro 2016. Il capitano del Verona ha fatto il punto anche sulle aspettative per il suo immediato futuro.

Il 2016? Sicuramente un anno positivo, questi due premi ricevuti mi rendono molto felice. Abbiamo raggiunto un traguardo importante anche con la Nazionale perché giocheremo gli Europei. A livello calcistico è stato decisamente positivo. In questi ultimi anni siamo cresciute molto quindi stiamo cercando di dare una svolta nel senso pratico della crescita e la qualificazione è più che meritata. Il campionato? Il Verona è una squadra giovane e abbiamo tanto da imparare. Le avversarie come Fiorentina e Brescia stanno andando alla grande e per noi sarà difficile riconfermarci in Champions, ma è chiaro che a livello di risultati e mentalità siamo state sempre brave. Anche quest’anno cercheremo di giocarcela“.

Poi, una nota di colore relativa al fratello Manolo: “Non l’ho preso in giro per il suo anno, anzi: ci sta che ci possa essere un momento un po’ particolare. Lui, comunque, non ha mai smesso di allenarsi e questo lo ripagherà. Se giochi poco, specialmente per un attaccante, è normale che l’umore non sia al massimo. Fa parte di un ambiente in cui deve per forza reagire e quindi spero che ci sia un momento più felice per lui sia che resti a Napoli, sia che vada via“.

Infine, un ricordo legato alla sua carriera che comprende tutta l’esperienza in gialloblu: “Ho passato tanti anni qui, questo è il tredicesimo. Ho vinto tanto a livello di squadra ma non ho una rimembranza precisa. Per me sono state annate molto belle e importanti e tutto ha contribuito a creare tanti bei momenti e ricordo tutto quanto come se fosse ieri“.

Post Correlati

Leave a Comment