Spagna | Real Madrid ultimo in Primera Iberdrola

Primera Iberdrola

La quinta giornata della Primera Iberdrola mostra le due facce contrapposte delle formazioni che rappresentano la Spagna alla fase a gironi della Champions League.

Il Barcellona continua a mietere vittime con le sue goleade, costringendo l’Alavés alla resa con un 1-9 che non ammette repliche.

La prima notizia dal Jordi Crujff Estadi arriva dal primo gol subito dalle campionesse in carica della Primera Iberdrola, che al 17′ vanno sotto con il colpo di testa di Jordan Clark che non lascia scampo a Coll.

Vantaggio a sorpresa, dato che fino ad allora il Barça aveva comandato il gioco e creato due potenziali palle gol, centrando il palo esterno con Caldentey.

La forza delle blaugrana sta nella capacità di rialzarsi in fretta e prima della mezz’ora Vilamala, complice una palla non trattenuta da Cornejo su tiro di Crnogorcevic.

La sfortuna colpisce Rolfö che colpisce due traverse nella prima metà di gioco, ma premia Martens sulla cui conclusione Majarin di testa dà una traiettoria che non evita alla sfera di rotolare in rete.

E un’altra deviazione di una difendente delle ospiti spiazza Cornejo e permette a Crnogorcevic di siglare il 3-1.

Nella ripresa il Barça è semplicemente devastante. Tra il 47′ e il 52′ vanno a segno Caldentey, Graham Hansen su cross e Serrano.

E tra il 73′ e l’84’ chiudono la giostra dei gol Claudia Pina, Jana Fernandez e Oshoala, che fa calare il sipario sulla sfida.

Un punto in quattro partite: crisi Real, Aznar a rischio?

Crisi senza fine per il Real Madrid, che in attesa di scendere in campo in Europa cade al Lezama di Bilbao contro l’Athletic Club.

La formazione allenata da Aznar, ultimo in classifica insieme a Valencia e Rayo Vallecano, arriva alla sfida perdendo anche Esther Gonzalez per un problema muscolare.

Sapore di derby per le ex Real Sociedad Zornoza e soprattutto per Nahikari Garcia, che al 13′ colpisce l’esterno dell’incrocio dei pali.

Per una Zornoza che calcia da fuori (parato), c’è una Fuente che per due volte prova a sorprendere il portiere delle madrilene Rodriguez ma senza successo.

Alla prima offensiva della ripresa il fortino Real cade: tacco di Nekane Diez in profondità per Barea che buca la difesa avversaria e trafigge Rodriguez al 64′.

Il Real Madrid spreca l’opportunità del pari con Athenea del Castillo, ma al 88′ arrivano i due episodi “specchio” della situazione infelice delle Merengues: Zornoza dal limite trova un tiro senza troppa convinzione che Quiñones para, sull’azione di ripartenza Gálvez controlla malissimo il rinvio di Rodriguez e permette a Fuente di battere il portiere per il 2-0.

Primera Iberdrola, Real Sociedad capolista. E l’altra Madrid sorride

Per una Madrid che piange con due formazioni al momento in zona retrocessione, vi è l’altra metà che divide la posta nello scontro diretto.

Madrid Cff e Atletico Madrid pareggiano per 2 a 2 in una sfida molto interessante e dal risultato giusto per quanto mostrato sul campo.

Il primo grande sussulto arriva da Geyse Ferreira, tra le migliori in campo, che nel primo terzo di gioco centra in pieno la traversa.

Al 31′ la collega di reparto GabiNunes batte Gallardo per l’1-0, ma il vantaggio dura poco e un errore difensivo permette a Castellanos di pareggiare al 35′.

Van Dongen fa il bello e il cattivo tempo. Al 45′ è sua la rete di testa che permette alla rojiblanca di passare in vantaggio ed è suo il fallo di mano che al 56′ consente alle padrone di casa di andare dal dischetto con Ferreira, che spiazza Gallardo e sigla il 2-2.

Il tecnico Fernandez Navillo mette in campo il carico da 90 con Sheila Garcia, Ludmila, Kgatlana e Ajibade in avanti, ma il risultato non muta.

La Real Sociedad batte il Villareal per 4 a 0 e raggiunge il Barcellona in testa alla Primera Iberdrola.

La partita si mette subito in discesa al 4′ con la rete del vantaggio siglata da Eizagirre, autrice di una conclusione diretta all’incrocio dei pali.

Il Villareal è poca cosa e in 60″ Uria e Sarriegi gonfiano la rete permettendo alle basche di comandare sul 3-0 al 27′.

Nella ripresa la diez Eizagirre chiude i conti su assist di Sarriegi e al 74′ cala il sipario su una partita mai in discussione.

Prima vittoria per Tenerife e Real Betis

Prima vittoria in questa Primera Iberdrola per Granadilla Tenerife e Real Betis, autrici di uno spettacolare 2-2 nel turno precedente.

La formazione delle Canarie batte il Levante per 2 a 0 con una grande prova di forza e affondando l’uno-due con Peña su rigore e con Ramos nella ripresa.

Le andaluse espugnano il terreno di gioco dello Sporting Huelva vincendo di misura, grazie alla rete di Asentawaa al 41′ del primo tempo.

Sorride anche il Siviglia che batte a domicilio e in rimonta il Valencia, passato in vantaggio Martin-Pozuelo al 43′ del primo tempo.

Mateu al 68′ e Coleman al 82′ ribaltano il risultato e lasciano le valenciane all’ultimo posto in classifica, condiviso con il Real Madrid e con il Rayo Vallecano, sconfitto dall’Eibar per 4 a 0.

La classifica della Primera Iberdrola

Ecco la classifica della Primera Iberdrola dopo la quinta giornata di campionato:

  1. Barcellona 15 punti
  2. Real Sociedad 15
  3. Atletico Madrid 13
  4. Athletic Club 12
  5. Alavés 9
  6. Levante 8
  7. Madrid Cff 8
  8. Eibar 6
  9. Siviglia 5
  10. Tenerife 5
  11. Real Betis 5
  12. Villareal 4
  13. Huelva 3
  14. Real Madrid 1
  15. Valencia 1
  16. Rayo Vallecano 1.

Post Correlati

Leave a Comment