Serie A | Impresa Sassuolo, Juventus di misura sull’Empoli

 

Il Sassuolo scrive un pezzo di storia: Milan sconfitto in casa 0-2

Il Sassuolo di Gianpiero Piovani compie l’impresa di giornata: al Vismara il Milan viene battuto per 0-2 con le reti di Kamila Dubcová nel primo tempo e di Tamar Dongus nella ripresa. Al 15′ il primo vantaggio neroverde: Sofia Cantore mette in mezzo il pallone per la centrocampista ceca che prima controlla la sfera e poi supera Laura Giuliani con un effetto preciso ed efficace. Al 31′ soltanto il palo nega la gioia della doppietta personale per Dubcová, sempre imbeccata da Cantore, mentre quattro minuti più tardi Lana Clelland  è sola davanti a Giuliani, ma la sua conclusione termina a lato. E’ al minuto 55 che arriva il meritato raddoppio per il Sassuolo: ancora una volta Cantore, sugli sviluppi di un corner, trova la testa di Dongus che schiaccia il pallone di testa e realizza il gol del 2-0 che mette alle corde il Milan, mai davvero pericoloso nei primi quarantacinque minuti di gioco e anche sfortunato quando Nina Stapelfeldt, subentrata a Lindsey Thomas, colpisce il palo sempre su colpo di testa. Le rossonere vogliono riaprire la gara, ma il tentativo di Valentina Giacinti su progressione di Valentina Bergamaschi termina a lato. Sempre il capitano rossonero non sfrutta a dovere un errore difensivo di Mana Mihashi, anche grazie all’ottima opposizione del portiere Diede Lemey. Le varie sostituzioni effettuate dal Sassuolo spezzano un po’ la reazione del Milan che esce così sconfitto dal big match del sabato di campionato, e si issa meritatamente in vetta alla classifica insieme alla Juventus.

L’Empoli regge ben settanta minuti, ma la Juve fa quattro su quattro

La Juventus si aggiudica il lunch match che apre la quarta giornata di campionato, e lo fa faticando più del previsto contro un Empoli completamente diverso rispetto a quello visto in campo nel turno precedente contro l’Inter. La formazione di Fabio Ulderici contiene le campionesse d’Italia per ben settanta minuti, poi il guizzo della solita Cristiana Girelli permette all’undici bianconero di rimanere a punteggio pieno in classifica. L’Empoli parte forte, e subito al 3′ la porta bianconera subisce il primo grande pericolo: Asia Bragonzi ci prova dai trenta metri, Pauline Peyraud-Magnin deve allungarsi e deviare in calcio d’angolo un pallone molto velenoso. La Juve risponde con Barbara Bonansea che sguscia via sulla fascia in gran velocità ma il suo tiro è centrale e viene parato da Alessia Capelletti. Proprio l’estremo difensore empolese rischia di combinarla grossa: sempre Bonansea crossa dal fondo linea, Capelletti non mantiene la presa sul pallone e Agnese Bonfantini per poco non riesce a ribadire la sfera in fondo alla rete. Il portiere dell’Empoli è la gran protagonista della prima frazione di gioco: l’intervento sulla conclusione di Bonfantini vale quanto un gol, così come il salvataggio in due tempi su un calcio piazzato di Girelli. Nonostante ciò, la Juventus continua ad alzare i ritmi e va vicina al vantaggio: sempre Girelli salta più in alto di tutte sugli sviluppi di un calcio di punizione, e la palla termina alta di poco sulla traversa. Poco dopo un’altra rapida progressione di Bonansea non trova pronte nè GirelliBonfantini a spingere il pallone in fondo alla rete. Il secondo tempo si apre esattamente come nel primo: questa volta è Cecilia Prugna a provarci dalla lunga distanza, il suo tiro è molto insidioso e si stampa sulla traversa. Il lampo empolese, come nei primi quarantacinque minuti di gioco, apre il nuovo assalto bianconero alla porta avversaria: Capelletti si supera ancora una volta su una combinazione tra Martina Rosucci e Bonansea, e anticipa in uscita quest’ultima su un’altra ripartenza. Al 65′ un episodio che farà discutere: una mischia in area juventina viene risolta da un tiro di Prugna che vede l’opposizione di Arianna Caruso con la mano, l’arbitro Costanza ha il fischietto in mano ma decide di non assegnare il penalty sulle vibranti e forti proteste dell‘Empoli per un rigore che è apparso davvero netto. Si arriva così agli ultimi venti minuti di gioco, dove le campionesse d’Italia cercano in tutti i modi di scardinare la resistenza del muro empolese, che continua a reggere in maniera diligente e che trova ancora una volta una super Capelletti, che si oppone egregiamente ancora su Bonansea. Girelli scheggia la traversa su colpo di testa, ma il momento clou arriva al 71′: Rosucci rimette in mezzo un pallone che sembrava destinato sul fondo e lo serve per la numero dieci bianconera che questa volta beffa Capelletti e sigla il gol dell’1-0 per una Juventus che può così abbassare notevolmente i ritmi e gestire il match con più calma, contenendo anche l’Empoli nella propria meta campo impedendogli così di cercare un pareggio che non arriva dopo il tentativo, sempre dalla lunga distanza, di Norma Cinotti. La Juve mantiene così la vetta della classifica, in comproprietà con il Sassuolo, e rimane a punteggio pieno in classifica. 

Hellas Verona e Napoli Femminile si dividono la posta in palio

Termina a reti inviolate il delicato match tra Hellas Verona e Napoli Femminile al termine di una gara equilibrata e non particolarmente ricca di occasioni da gol. Un bilanciamento che dura sino a metà primo tempo, poi al 41′ l’Hellas ha la ghiotta occasione di portarsi in vantaggio con Veronica Pasini, ma l’intervento di Yolanda Aguirre è super e salva la propria porta. Nel secondo tempo è il Napoli Femminile a cercare con più pericolosità il gol, ma al 66′ è ancora Aguirre a rendersi protagonista con un altro salvataggio, questa volta di piede, su un altro tentativo di Pasini. Pochi minuti dopo l’estremo difensore partenopeo si supera e vola letteralmente per togliere il pallone dalla porta su una conclusione di destro di Alessia Rognoni, ben servita da Anna Catelli. Nel finale di gara Eleonora Goldoni non trova lo specchio della porta su colpo di testa, mentre la formazione scaligera va ancora vicina alla rete ancora una volta con Pasini, che di sinistro spedisce la sfera fuori di pochi centimetri. Un punto per parte per le due formazioni, ma con l’undici veronese che può recriminare per aver creato più di un grattacapo alla difesa avversaria che però può far affidamento su una super Aguirre, decisiva e determinante ai fini del risultato finale. 

Risultati quarta giornata:
Juventus – Empoli 1-0 (71′ Girelli)
Hellas Verona – Napoli Femminile 0-0
Milan – Sassuolo 0-2 (15′ Dubcová, 55′ Dongus)
Lazio – Fiorentina (domenica 26 settembre ore 12.30, diretta Timvision)
Inter – As Roma (rinviata a data da destinarsi)
Sampdoria – Pomigliano (domenica 26 settembre ore 14.30, diretta Timvision)

Classifica:
Juventus 12, Sassuolo 12, Milan 9, As Roma 9*, Inter 9*,  Napoli Femminile 4, Sampdoria 3*, Pomigliano 1*, Empoli 1, Hellas Verona 1, Fiorentina 0, Lazio 0.
* una partita in meno

Lino Basso

Foto: Sassuolo.

Post Correlati

Leave a Comment