Fiorentina, Antonio Cincotta lascia la panchina: “Cinque anni gloriosi”

Dopo cinque annate sulla panchina viola, Antonio Cincotta non sarà più la guida tecnica della Fiorentina nella prossima stagione. Lo ha annunciato lo stesso tecnico che, alla guida della formazione toscana, ha conquistato uno scudetto, una Supercoppa Italiana e due Coppa Italia. Queste le parole di Cincotta tramite i suoi profili social: “Per cinque stagioni sono stato una piccola parte di una grande famiglia chiamata Fiorentina. Grazie al lavoro di tutti abbiamo avuto la fortuna di scrivere pagine di calcio indelebili per la storia di questa società. Sono arrivato con un bacheca femminile vuota e con una pagina bianca tutta da scrivere chiamata Europa. Saluto fiero nel guardare tutti i trofei che scintillano in bacheca e orgoglioso del percorso europeo che ci ha permesso di disputare ben quattro volte la Champions League e arrivare tre volte agli ottavi di finale, risultati di altissimo livello per tutto il calcio femminile italiano. Grazie a uno staff che è andato oltre ogni limite abbiamo lanciato ai massimi livelli tante giovani ragazze talentuose: questo è un motivo d’orgoglio che mai nessuno potrà togliermi. Vittorie invisibili per molti, ma non meno importanti. Abbiamo poi personalmente giocato la gara delle gare, nello Juventus Stadium tutto esaurito. Lì si è scritta la storia di un movimento che da quel momento e con quella vetrina ha smosso molteplici interessi. Uscimmo sconfitti da una grande Juve, contro la quale abbiamo perso più volte, ma con la quale abbiamo condiviso per anni i vertici assoluti di questo settore. Anche alla Juventus va un plauso per tutto quello che hanno fatto in questo mio ciclo, grandi avversari grande onore. Firenze è stato un sogno divenuto realtà. Ho avuto la fortuna di condividere questo percorso con due proprietà, molti collaboratori tecnici, i dottori, i terapisti, i magazzinieri, i cuochi, i camerieri, le team manager, i segretari e tutto il personale del club. Quanti ringraziamenti che devo fare e che faccio volentieri: in primis i tifosi, che con il loro affetto ci hanno trascinato nel superare ostacoli insormontabili. Grazie per la passione infinita e la vicinanza anche nei momenti difficili. E poi un grazie di cuore alle ragazze: per tutto quello dato alla maglia viola e per quanto mi hanno insegnato quotidianamente. Porto tutti i momenti vissuti assieme nel mio cuore. Non dimentico nemmeno i giornalisti che, con passione e onestà intellettuale, hanno sostenuto le nostre cavalcate. Anche a loro va il mio ringraziamento più sentito. Chiudo con un commento su questa stagione: abbiamo vissuto tante difficoltà, ma alla fine abbiamo concluso al quarto posto dopo una rimonta epica, conquistando anche la finale di supercoppa e gli ottavi di Champions all’ultimo respiro, meritandoci l’opportunità di sfidare un colosso come il Manchester City. C’è sempre una canzone per ogni momento della vita, e queste note salutano la fine di questo ciclo: “E’ la fatica di un passo indietro, per fare spazio a te, vale una vita quest’istante segreto che piega tutti e due, che di un silenzio fa un saluto e da una fa due vie” . Il mio lavoro da allenatore e da manager dopo 5 anni gloriosi termina. Forza Viola, vinci ancora! Sempre”.

In pole per la panchina viola c’è Patrizia Panico, icona del calcio femminile e commissario tecnico della Nazionale under 15 maschile, nonchè vice allenatrice dell’Italia maschile under 21. Resta comunque calda la pista che porta a Rita Guarino, ex coach della Juventus nonostante sia attualmente più vicina a rivestire il ruolo di guida tecnica dell’Inter.

Foto: Fiorentina.

Post Correlati

Leave a Comment