L’evoluzione del gioco e il calcio femminile: il libro di Francesca Di Giuseppe

Si chiama L’evoluzione del gioco e il calcio femminile il nuovo libro pubblicato da Francesca Di Giuseppe, giornalista e titolare del blog postcalcium.it, il diario online dove racconta appunto della sua grande passione per il calcio.

Nata a Pescara e laureata in Scienze Politiche all’Università degli Studi di Teramo, Francesca Di Giuseppe ha una lunga esperienza calcistica, soprattutto femminile. Con questo testo – disponibile su Amazon cliccando qui – l’autrice abruzzese racconta l’evoluzione del gioco, andando dal semplice “ludens” al professionismo attraverso le voci di grandi sociologici come Allen Guttmann e il suo Dal rituale al record.

Il libro è diviso sostanzialmente in due parti che si intrecciano tra di loro: una sociologica e una storica. “Quando il mio relatore, il professor Everardo Minardi, mi diede il via libera per la tesi sul calcio femminile, risalente al 2004, ho pensato che la ricerca dovesse partire dalle radici e cioè della storia del gioco e la sua evoluzione – ha raccontato Francesca Di Giuseppe – Le due parti sono intersecate in quanto, in entrambe, analizzo e studio la storia sotto il profilo sociologico prendendo in considerazione gli studiosi che si sono occupati sia del gioco come Porro, Guttmann, Elias e Dunning; sia del calcio femminile come Andreoli e Caroli”.

Ne L’evoluzione del gioco e il calcio femminile c’è spazio anche alle “rivendicazioni” più attuali: “È passato del tempo dalla discussione alla pubblicazione del libro. La mia ricerca si ferma agli anni 2001-2002 e sicuramente, anche in base alla grande evoluzione che il calcio femminile italiano sta vivendo, la parte più interessante sono le lettere che il movimento calcio donne scrisse alle istituzioni nel corso degli anni e le storie delle calciatrici”.

La passione per le donne nel pallone, Francesca la deve a Carolina Morace: “Quando l’ho vista con la maglia della Nazionale in tv ho detto: una donna che gioca a calcio? Ero adolescente e forse questo, inconsciamente, mi ha portato poi, in sede di scelta della tesi di laurea, a parlarne. Certo, da quella prima visione di calcio femminile, non pensavo minimamente di scrivere una tesi, vederla pubblicata e avere un blog, Postcalcium, dove parlare del movimento e aver avuto l’onore di intervistare calciatrici del calibro di Katia Serra e Federica D’Astolfo”.

Post Correlati

Leave a Comment