Serie A | Il Milan conquista il derby, Inter sconfitta 4-1

Il Milan fa suo il derby contro l’Inter e aggancia momentaneamente la Juventus al secondo posto in classifica: finisce 4-1 al Vismara grazie alla doppietta di Natasha Dowie  e ai gol di Valentina Giacinti e Dominika Čonč, di Gloria Marinelli invece il momentaneo pari nerazzurro, che fallirà anche un calcio di rigore nel secondo tempo.

Maurizio Ganz conferma il 3-5-2 visto nella partita contro l’Empoli, e inserisce Francesca Vitale sulla linea difensiva al posto dell’indisponibile Valentina Bergamaschi. Attilio Sorbi schiera Gloria Marinelli e Alice Regazzoli dal primo minuto, artefici del pareggio di sette giorni fa contro la Roma, mentre in difesa c’è il rientro di Eva Bartoňová. Assente invece Martina Brustia per squalifica dopo l’espulsione rimediata contro le giallorosse.

Il match è subito scoppiettante: al 3′ Beatrice Merlo serve un bel pallone per Caroline Møller Hansen, che a sua volta lo mette in mezzo con un cross basso, Vitale intercetta il pallone anticipando anche Mária Korenčiová, e su capovolgimento di fronte, Valentina Giacinti passa la sfera a Dominika Čonč , quest’ultima di prima intenzione mette in movimento Natasha Dowie che, non troppo ostacolata da Anna Auvinen, piazza il pallone all’angolo destro e realizza la rete dell’1-0 dopo appena quattro minuti. Passano appena due minuti, e l’Inter trova subito il pareggio: un calcio di punizione calciato da Regazzoli trova Marinelli, che di testa prende in controtempo Korenčiová e segna il gol che rimette in parità il risultato, il suo secondo consecutivo. Il Milan riprova subito a riportarsi avanti con Dowie, fornendo un assist per Giacinti che si allunga un po’ troppo la palla e il suo tiro viene respinto da Aprile. Sempre l’estremo difensore nerazzurro compie poi un’ottima uscita anticipando sempre Giacinti, scattata su un lancio di Linda Tucceri Cimini. Ci provano poi Tucceri Cimini e Regazzoli su calcio di punizione, il primo termina alto sopra la traversa mentre il secondo è parato senza problemi da Korenčiová, ma al 25′ Merlo allontana il pallone e scaturisce il contropiede nerazzurro dove Marinelli con una grande progressione supera in velocità Laura Fusetti e arriva davanti alla porta rossonera, il suo destro però termina fuori, facendo sfumare un’ottima chance per portare l’Inter in vantaggio. Al minuto 27 Giacinti recupera palla e fornisce l’assist per Dowie, la sua conclusione è ottimamente deviata in calcio d’angolo da Aprile, e proprio sul corner successivo, il Milan si riporta avanti: Tucceri Cimini si incarica della battuta, il pallone arriva a Dowie che di testa lo toglie letteralmente dai guanti di Aprile, che stava per bloccare la sfera, e sigla così la sua doppietta personale sulle proteste nerazzurre che reclamano un fallo.  Tre minuti dopo arriva l’affondo rossonero: Caroline Rask mette un pallone filtrante che arriva in area di rigore sui piedi di Federica Rizza, quest’ultima pesca Giacinti che trova lo spazio per controllare il pallone e lasciar partire il tiro che finisce alle spalle di Aprile, è 3-1 Milan con il quarto gol in campionato del capitano rossonero. L’Inter rischia il tracollo: Auvinen perde palla in difesa e Rizza ne approfitta per correre dalla fascia sinistra verso la porta avversaria, il suo assist è per Čonč, che dal limite dell’area calcia con un tiro a giro che trova l’ottima opposizione di Aprile, mentre al 40′ Dowie recupera palla e scatta in avanti, il suo assist per Refiloe Jane viene però bloccato provvidenzialmente da Bartoňová. Le nerazzurre tornano sulla metà campo avversaria tre minuti dopo con Merlo, che lascia partire un cross dove Flaminia Simonetti, di testa, colpisce il pallone ma Korenčiová, di pugno, lo devia in calcio d’angolo. Non succede altro, e un primo tempo palpitante e acceso termina così.

Nella seconda frazione di gioco, il Milan mette una seria ipoteca sulla vittoria finale: su una mischia in area di rigore nerazzurra dopo un calcio d’angolo, il pallone arriva sul destro di Čonč, il suo tiro a giro questa volta è efficace e Aprile non può far nulla, è subito 4-1 per le rossonere a inizio ripresa. La formazione di Sorbi prova a rendersi pericolosa sui calci piazzati: Regazzoli li calcia entrambi, e sul primo trova il colpo di testa di Ilaria Mauro che termina di poco a lato, mentre sul secondo Alborghetti, sempre di testa, prova la sponda in area, ma la palla termina sopra la traversa. La squadra di Ganz è devastante su ogni tentativo offensivo, e sfiora il 5-1: un altro corner calciato da Tucceri Cimini trova in area Vitale, che di testa schiaccia il pallone, per sua sfortuna però la traversa le nega la gioia del gol. Al minuto 59 Marinelli si invola in area di rigore, Rizza la atterra e l’arbitro Marotta non ha dubbi assegnando il penalty per le nerazzurre: sul dischetto si presenta proprio Marinelli, ma il suo tiro è parato ottimamente da Korenčiová, negando così la doppietta al numero sette nerazzurro e la possibilità all’Inter di riaprire la gara. Il Milan controlla agevolmente la partita, e al 79′ trova un’altra chance per siglare la quinta rete: un cross di Jane per Giacinti trova l’intervento di Auvinen, la palla finisce comunque sul destro di Dowie che, da buona posizione, calcia fuori. Le rossonere si aggiudicano così un derby controllato a lunghi tratti e con una prova di forza, sfruttando a pieno le numerose occasioni da gol create, mentre le nerazzurre possono recriminare per due chances sprecate con Marinelli, la prima sull’1-1 e la seconda sul calcio di rigore che lo stesso esterno nerazzurro si era procurato.

Milan – Inter 4-1 (4′ Dowie, 28′ Dowie, 31′ Giacinti, 47′ Čonč  – 6′ Marinelli)

Milan (3-5-2): Korenčiová; Fusetti, Agard, Vitale; Rizza (90’+1′ Nano), Rask (61′ Mauri), Jane, Čonč (86’Kuliš), Tucceri Cimini; Dowie (90’+1′ Longo), Giacinti (cap.) (90+1′ Salvatori Rinaldi).
A disposizione: Piazza, Grimshaw, Morleo, Spinelli.
Allenatore: Maurizio Ganz.

Inter (4-3-3): Aprile; Merlo, Auvinen (80′ Rincón), Kathellen, Bartoňová; Alborghetti (cap.), Simonetti, Regazzoli; Marinelli, Møller Hansen (55′ Tarenzi), Mauro (71′ Baresi).
A disposizione: Marchitelli, Quazzico, Debever, Pandini, Catelli.
Allenatore: Attilio Sorbi.

Arbitro: Maria Marotta di Sapri.
Assistenti: Lucia Abruzzese di Foggia e Veronica Vettorel di Latina.

Ammonizioni: 66′ Merlo (I)
Espulsioni: 

Risultati e classifica sesta giornata:
Sassuolo – Florentia San Gimignano 3-0 (13′ Dubcová (rig.) , 32′ Mihashi, 57′ Bugeja)
Empoli – Napoli Femminile 1-0 (84′ Cinotti)
San Marino – As Roma 2-3 (42′ Barbieri (rig.) , 45′ Barbieri – 10′ Lázaro, 44′ Lázaro, 88′ Serturini)
Milan – Inter 4-1 (4′ Dowie, 28′ Dowie, 31′ Giacinti, 47′ Čonč – 6′ Marinelli)
Pink Bari – Juventus (ore 14.30, diretta Timvision)
Fiorentina – Hellas Verona (ore 15.00, diretta Timvision)

Classifica:
Sassuolo 16, Juventus 15*, Milan 15, Empoli 12, As Roma 11, Fiorentina 9*, Inter 7, Florentia San Gimignano 6, Hellas Verona 3*, San Marino 3, Pink Bari 3*, Napoli Femminile 0.
*una partita in meno

Lino Basso

Foto: Ac Milan.

Post Correlati

Leave a Comment