Continua l’avventura tedesca di Laura Neboli: è la nuova allenatrice del Recklinghausen

Laura Neboli è la nuova allenatrice del Recklinghausen, società con cui inizierà la decima stagione in terra tedesca. Il tecnico italiano si trasferisce infatti in Germania nove anni fa, togliendosi diverse soddisfazioni anche da calciatrice. Dopo essere cresciuta nelle giovanili del Bardolino Verona, con cui debutta in prima squadra e vince il primo scudetto della storia della società gialloblu nel 2005, passa in seguito alla Reggiana, con cui alza al cielo la Coppa Italia nel 2010. A dicembre dello stesso anno passa al Tavagnacco, con cui disputa la seconda metà di stagione. È nell’estate del 2011 che arriva il trasferimento in Germania, con cui si ritaglia uno spazio da titolare in Bundesliga tra le fila del 2001 Duisburg. Nel 2014 la società fallisce e cede il titolo sportivo al Msv Duisburg dove l’italiana resta a giocare un altro anno. A seguito di diversi infortuni, l’anno seguente Neboli, che vanta oltre trenta presenza con la Nazionale Italiana maggiore con cui ha partecipato agli Europei nel 2009 e nel 2013, decide di giocare con la squadra riserve, che disputa la Frauen-Regionalliga, il campionato di terza divisione. Contemporaneamente intraprende la carriera di allenatrice con la formazione Under 13 della stessa società. I continui infortuni ai legamenti di entrambe le caviglie le suggeriscono che la sua strada potrebbe essere in panchina. Pertanto decide di ritirarsi dal calcio giocato e si trasferisce allo Sportgemeinschaft Essen-Schönebeck, in cui diventa allenatrice della squadra riserve in Frauen-Regionalliga. In Germania, dove non esiste una categoria analoga al campionato Primavera italiano, le squadre riserve sono squadre under 20 in cui possono essere schierate un massimo di tre fuoriquota a partita e hanno la funzione di far crescere i giovani talenti che negli anni successivi potrebbero fare la fortuna della prime squadre. Alla sua prima stagione con la nuova società, l’allenatrice lombarda ottiene il record di punti della storia della squadra ma il secondo posto finale non è sufficiente a garantire la promozione, che arriverà comunque l’anno successivo. Al termine della stagione 2018/2019, la prima della 2. Frauen-Bundesliga a girone unico, arriva la retrocessione dovuta anche al fatto di avere la squadra più giovane del campionato. La nuova annata in Frauen-Regionalliga non trova termine a causa dell’emergenza legata al Coronavirus. Ora l’italiana è attesa da un nuovo compito: provare a far bene anche con il Recklinghausen, società che ha fortemente voluto l’allenatrice lombarda per provare a ottenere la promozione.

Federico Scarso

Foto: Thomas Braucks.

Post Correlati

Leave a Comment