Francia | Lione e Psg vincono ancora. Al Digione lo scontro salvezza

olympique lione

La decima giornata della Division1 Arkema non riserva sorprese per quanto riguarda le posizioni di vertice.
L’Ol campione in carica vince per 4 a 0 a Soyaux e guida la classifica con 28 punti, con una invidiabile differenza reti di +37 (41 gol fatti e 4 subiti).
Nel match domenicale sono andate a segno quattro giocatrici differenti. Ada Hegerberg apre le marcature al 10′ e realizza la sua 11esima marcatura in campionato, allungando in classifica sulla Katoto ferma a quota 8.
Il raddoppio arriva al 36′ con la conclusione di Parris deviata da una giocatrice della formazione di casa. Nella ripresa l’Ol completa il suo poker con le reti di Marozsan al 68′, con la tedesca brava a chiudere con un gol una perfetta azione personale, e di Henry che senza volerlo devia di petto per il 4 a 0 al minuto 89.

Il Psg non molla e vince per 3 a 1 in casa dello Stade de Reims. Katoto non segna, Feller segna al 25′ il gol del vantaggio casalingo che illude il Reims. Nella ripresa bastano 3′ a Dudek per trovare il gol del pari, Geyoro completa la rimonta al 68′ e Diani fissa il punteggio sul 3 a 1 al 78′.

Il Bordeaux ottiene il terzo sfruttando il pareggio per 1 a 1 tra Montpellier e Guingamp nel recupero del match rinviato per maltempo. Le Girondine battono l’altra formazione della capitale Paris Fc per tre a zero nella trasferta sotto la Tour Eiffel. Asseyi ha sui piedi la prima occasione del match ma manda il diagonale di poco a lato, Bunny Shaw invece insacca di testa su cross dalla sinistra (34′). L’attaccante giamaicana inventa anche l’assist che permette ad Asseyi di segnare il gol del 2 a 0 al 41′.
Nella ripresa le parigine continuano a farsi trovare impreparate in difesa e al 73′ l’intervento di Mueller-Priessen costa l’autogol per il 3 a 0 girondino.

Il Digione compie un passo importante in ottica salvezza grazie al successo per 1 a 0 contro l’Olympique Marsiglia. La partita viene decisa dopo appena 5′ dalla conclusione da fuori area dell’ex nazionale francese Bussaglia.

Mirko Marletta

Post Correlati

Leave a Comment