Rinaldi saluta Firenze: è sempre più Milan

Deborah Salvatori Rinaldi

“Grazie per questo ballo”. Termina così il saluto di Deborah Salvatori Rinaldi alla Toscana, e più precisamente ai tre club che l’hanno fatta diventare (parentesi con l’Espanyol e l’Osa Seattle comprese) la calciatrice che è oggi: un pieno di determinazione e gol, di cui gioverà molto probabilmente il Milan nella prossima stagione, finalmente pronto a chiudere la trattativa con la classe 91 abruzzese, che ha esordito nel calcio femminile con le Girls Roseto e si presenta ora con un palmarès che conta uno Scudetto e una Coppa Italia vinti con la Viola della coppia Fattori-Cincotta. Quelle con la Fiorentina sono state due stagione importantissime, dove il centravanti ha collezionato oltre 30 presenze e messo a segno 16 reti.

Questo il messaggio apparso sui profili social di Rinaldi:

A Firenze. 
Solitamente sono molto cerimoniosa è riconoscente quando ci sono dei cambiamenti nella mia vita, anzi forse lo sono in generale, ma forse questa sarà l’eccezione per un saluto più breve di quello che dovrebbe essere ma pesante come non mi era mai capitato di fare.
Firenze per me è stato qualcosa di troppo astrale da poter spiegare, ho nell’anima questa città e tutto quello che mi ha dato, che mi ha tolto e che mi ha restituito. 
Porto con me le esperienze di tutte le società in cui ho avuto il piacere di giocare.
Con l’Ac Firenze ho lottato e sperato.
Con la Fiorentina ho lottato e vinto.
Con il Florentia ho lottato e dimostrato.
Grazie a tutti i passanti della mia vita in Toscana.
Firenze lascia sicuramente qualcosa a me, spero di lasciare io qualcosa a lei…vorrei si ricordasse in silenzio di me, di come la guardavo e la guarderò ancora, di una ragazza che ha realmente amato e onorato questa città.
È il momento di dirti addio.
A volte nella vita scelgono per noi…ma a questo bivio ho scelto io…una decisione che viene dalla mia forte ambizione, quella che del resto mi aveva portato a te. Firenze. 

Grazie per questo ballo.
Deborah.

Giulia Di Camillo

Post Correlati

Leave a Comment