Mondiali | Vendetta Svezia: Germania eliminata

La Svezia diventa la quarta e ultima formazione qualificata alle semifinali del Mondiale, nonché terza europea che stacca il pass per le Olimpiadi di Tokyo 2020.

Il successo delle scandinave assume un significato profondo perché il passaggio del turno arriva dopo una vendetta sportiva attesa ben 24 anni contro la Germania, che anche oggi ha fatto rivivere gli incubi al pubblico svedese quando Magull al 16′ insacca in rete un pallone servito dalla compagna di squadra Daebritz.

La paura dura soltanto sei minuti, sufficienti alla Svezia per raggiungere il pari: la difesa viene sorpresa alle spalle da Jakobsson (mvp del match) lanciata a rete, con la calciatrice scandinava che con un diagonale infila alle spalle del portiere Schult.

La Svezia prende campo sulle ali dell’entusiasmo e prova a ultimare il sorpasso al 36′ con la conclusione di Jakobsson deviata in corner da Schult.

Al terzo minuto della ripresa la Svezia ribalta il risultato: Rolfoe colpisce di testa e trova la respinta di Schult, la quale nulla può sulla ribattuta di Blackstenius che insacca sotto la traversa.

La Germania punta su Maroszan, rientrata dopo l’infortunio e messa in campo dal ct Voss-Tecklenburg all’inizio del secondo tempo, sul bomber Popp con l’intento di sgomitare il più possibile con le centrali svedese e sugli errori in uscita del portiere Lindahl, che in qualche occasione di troppo ha messo in allarme la sua linea difensiva.

La Svezia va vicina al tris in due occasioni: al 78′ con un’azione personale di Jakobsson va al tiro trovando la respinta di Schult e all’87’ con la palla calciata alta da Blackstenius a conclusione di un’azione personale.

E avviene un minuto prima dell’occasionissima del pari tedesco: su palla inattiva Lindahl esce male e Oberdorf si trova sulla testa la palla del pari, ma manda di poco a lato.

Il colpo di testa di Hegering nel recupero si spegne sul fondo, come le ultime speranze della Germania.

GERMANIA – SVEZIA 1-2 (16’ Magull, 22’ Jakobsson, 48’ Blackstenius)

Germania: Schult; Gwinn, Doorsoun, Hegering, Simon (44’ Simon); Daebritz, Dallmann (46’ Dallmann), Magull; Huth, Popp, Schueller (69’ Oberdolf). All. Voss-Tecklenburg.
Svezia: Lindahl; Glas, Fischer (66’ Ilestedt), Sembrant, Eriksson; Rubensson (86′ Bjorn), Asllani, Seger; Jakobsson, Blackstenius, Rolfoe. All. Gerhardsson.

Arbitro: Flappart (FRA). Assistenti: Nicolosi (FRA) e O’Neill (IRL).

NOTE – Spettatori: 25301 persone. Ammonite: Rolfoe (diffidata). Recupero: 3’ pt, 6′ st.

Mirko Marletta

Foto: Getty Images

Post Correlati

Leave a Comment