Iannella lascia il calcio giocato: “È arrivato il momento di togliere le scarpette”

Sandy Iannella lascia il calcio giocato, annunciando il suo ritiro con un post su Facebook: “C’è chi mi ha criticata e chi mi ha elogiata. C’è chi mi ha detto che mi ci sono buttata troppo dentro e chi dice di farlo ancora di più. C’è chi mi ha odiata e chi mi ha amata. C’è chi non ci crede ancora e chi non vede l’ora che io lo faccia. C’è chi mi ha ferita e chi mi ha presa per mano e mi ha accompagnata.  C’è stato il pianto e c’è stata la gioia. C’è stata la passione ed il sudore. La sconfitta e la vittoria. C’è stato davvero tutto.  E poi ci sono io… Solo io so cosa ho provato, cosa ho sentito. Cosa continuo a provare. Quanto ho gioito e quanto ho sofferto, quante volte sono caduta e quante mi sono rialzata. Ma adesso, finalmente, sono consapevole che anche per me è arrivato il momento di togliere le scarpette e metterle da parte. Ringrazio, ci penso e sorrido, anche una lacrima scende. Ma questa è la vita, si fanno delle scelte.. che siano giuste o sbagliate, ma si fanno! Ed io ho scelto… da oggi scriverò altre pagine di questo meraviglioso libro. Grazie per tutto quello che mi hai dato“.

Cresciuta nelle giovanili del Rovezzano, la calciatrice livornese passa in seguito al Lucca. Nel 2004 passa al Livorno con cui conquista la vittoria del campionato di serie C e l’anno successivo sfiora il doppio salto di categoria, chiudendo al secondo posto il girone A di serie B. Grazie alle sue qualità viene notata dalla Torres, con cui vince quattro scudetti, due Coppe Italia e cinque Supercoppe Italiane. Nel 2014 passa al Mozzanica, dove gioca di due stagioni, poi Cuneo e infine Sassuolo, di cui è diventata capitano. Chiude così la carriera da calciatrice una calciatrice duttile, che ha saputo ricoprire sia il ruolo di attaccante che quello di esterno di centrocampo e che vanta 36 presenze in Nazionale maggiore, le ultime delle quali nelle qualificazioni al Mondiale di Francia 2019.

Foto: CM Righetti.

Post Correlati

Leave a Comment