Cyprus Cup | L’Italia batte anche la Thailandia ed è in finale

L’Italia batte anche la modesta Thailandia e si qualifica per la finale della Cyprus Cup, dove affronterà una tra Corea del Nord, Austria e Belgio. Il ct Milena Bertolini ripropone il 4-4-2 con Pipitone in porta, Bergamaschi, Linari, Salvai e Boattin in difesa, Galli e Giugliano in mediana con Bonansea e Cernoia sulle fasce a supportare la coppia d’attacco formata da Sabatino e Mauro.

Le azzurre mantengono il controllo del gioco per quasi tutta la durata della gara, a eccezione di due azioni pericolose regalate alle thailandesi: oltre al gol arrivato nel secondo tempo con le italiane in superiorità numerica, la squadra asiatica si rende infatti pericolosa al minuto 18 quando Thongsombut ruba palla a Linari, servita da un passaggio troppo debole di Cernoia, e prova un pallonetto su cui Pipitone non ha problemi. Sul capovolgimento di fronte Bergamaschi percorre tutta la fascia destra e mette al centro un traversone che, complice un’uscita a vuoto di Sornpao, carambola sulla schiena di Bonansea e termina in rete. A fine primo tempo il capitano thailandese Sritala riceve due cartellini gialli in pochi minuti guadagnando anzitempo la via degli spogliatoi.

Nella ripresa, forti della superiorità numerica, nonostante la pioggia che inizia a cadere come nella gara di esordio con il Messico le azzurre segnano due reti in rapida successione con Sabatino, lesta a ribattere in rete una seconda palla, e Galli, la quale cala il tris con un destro dal limite dell’area che si infila all’angolino basso alla sinistra del portiere. Dopo una breve interruzione per le condizioni climatiche avverse, si riprende con una grande occasione con due nuovi innesti: Alborghetti mette in mezzo un cross rasoterra, Sornpao esce male ma manda fuori tempo Tarenzi che perde il tempo per appoggiare la sfera nella porta sguarnita. Intamee, tra le migliori nelle thailandesi, serve un preciso pallone filtrante per Dangda tagliando fuori dall’azione la neo entrata Fusetti. L’attaccante trova Pipitone fuori posizione e la beffa con un preciso pallonetto. Subito il gol le azzurre si riversano nella metà campo avversaria e trovano il poker a un minuto dal novantesimo quando il lancio di Boattin verso Sabatino viene solo sfiorato dall’attaccante milanista ma trova la netta deviazione di Chinwong. Il colpo di reni all’indietro di Sornpao non riesce a evitare l’autogol della compagna.

La Nazionale Italiana ottiene senza difficoltà il pass per la finalissima della Cyprus Cup che si disputerà mercoledì 6 marzo alle ore 17.00 italiane (18.00 locali).

Italia – Thailandia 4-1 (18′ Bonansea, 53′ Sabatino, 56′ Galli, 89′ Chinwong (aut.) – 68′ Dangda)

Italia (4-4-2): Pipitone; Bergamaschi (65′ Bursi), Linari, Salvai (60′ Fusetti), Boattin; Cernoia (65′ Alborghetti), Galli, Giugliano (65′ Adami), Bonansea (57′ Serturini); Sabatino (cap.), Mauro (60′ Tarenzi).
A disposizione: Giuliani, Marchitelli, Guagni, Gama, Bartoli, Bonfantini, Girelli, Giacinti.
Ct: Milena Bertolini.

Thailandia (4-4-2): Sornpao; Khueanpet, Sritala (cap.), Phetwiset, Intamee; Srimanee (46′ Chinwong), Chuchuen (77′ Sung-Ngoen), Thongsombut (56′ Srangthaisong), Sornsai; Nildhamrong (64′ Chetthabutr), Dangda.
A disposizione: Sengyong, Saenkhun,, Pengngam, Panyosuk, Saengchan, Boothduang, Muthtanawech.
Ct: Nuengruethai Sathongwien.

Post Correlati

Leave a Comment