Cyprus Cup | La doppietta di Giacinti e la rete di Serturini piegano l’Ungheria

L’Italia sbriga la pratica Ungheria e, complice la sconfitta della Thailandia contro il Messico, vola in testa da sola al gruppo B della Cyprus Cup. L’obiettivo delle azzurre è quello di qualificarsi alla finalissima del torneo per il secondo anno di fila, dopo il secondo posto raggiunto nella passata stagione con la sconfitta in finale contro la Spagna.

Milena Bertolini cambia faccia allo scacchiere azzurro confermando solo Guagni dell’undici iniziale che aveva affrontato le messicane. In porta gioca Marchitelli. In difesa, oltre al capitano della Fiorentina, vengono schierate Fusetti, Linari e Boattin. In mezzo al campo Adami, Alborghetti e Cernoia con tre prime punte di ruolo ad agire nel tridente offensivo: scendono in campo contemporaneamente Tarenzi, Sabatino e Giacinti.

Le azzurre sono subito padrone del campo e del gioco e vanno vicine al gol dopo pochi minuti ma Bíró compie una grande parata su un tiro al volo in scivolata di Sabatino, brava a girare verso la porta un bel lancio di Cernoia. L’attaccante milanista è ancora pericoloso poco dopo quando, su schema da calcio d’angolo, viene servito da un traversone di Boattin ma la sua potente conclusione dal limite dell’area piccola termina alto di poco. La rete che sblocca la partita arriva al minuto 18: splendida palla filtrante di Adami per Giacinti, che a tu per tu con Bíró non lascia scampo all’estremo difensore ungherese. La classe ’94 prova a ripetersi alla mezz’ora ma la sua semirovesciata su cross di Alborghetti è debole e termina tra le braccia del portiere. L’Italia è sempre pericolosa: punizione di Cernoia, Linari prova la sponda di testa per Sabatino ma è imprecisa e l’attaccante non ci arriva di un soffio. Prima dell’intervallo arriva il raddoppio azzurro: triangolazione tra Guagni e Tarenzi che porta il terzino azzurro alla conclusione. Giacinti arriva lesta sulla corta respinta di Bíró e realizza la seconda doppietta consecutiva.

All’intervallo l’Ungheria prova a mischiare le carte effettuando una tripla sostituzione: FenyvesiJakabfiZeller prendono il posto di ZágorKocsánKaján. Tra le azzurre esce Giacinti, colei che decide l’incontro, ed entra Serturini, alla seconda presenza in azzurro. È la mossa che regala il tris alle azzurre: dopo essere andata vicina al gol con un cross deviato verso la sua porta da Turányi e bloccato da Bíró, un’uscita maldestra dello stesso portiere ungherese permette all’ala romanista di appoggiare il pallone nella porta sguarnita sfruttando l’assist di Adami. La classe ’98 ci prova ancora al volo su assist di Guagni ma il tiro termina a lato. Al minuto 69 arriva il primo tiro dell’Ungheria con Zeller, ma la conclusione finisce ben lontana dalla porta difesa da MarchitelliJakabfi ha l’occasione di accorciare ma l’assistente indica all’arbitro una posizione di fuorigioco. Sul fronte opposto Szabó anticipa Sabatino che altrimenti avrebbe appoggiato il pallone in porta. La direttrice di gara, dopo una palla sanguinosa persa dalla neo entrata Galli, valuta un tocco di braccio di Fusetti avvenuto all’interno dell’area di rigore, anche se il tiro di Csiszár è deviato fuori da essa. Dal dischetto si presenta Jakabfi ma Marchitelli indovina l’angolo e respinge. Nel finale è ottima la prova della debuttante Bonfantini, subentrata a Cernoia: lotta su tutti i palloni fungendo da centrocampista aggiunto. Il giovane attaccante giallorosso recupera la sfera e verticalizza su Sabatino ma Turányi in scivolata non permette alla rossonera di presentarsi davanti a Bíró, che in pieno recupero respinge un tiro della stessa Bonfantini. Ancora Sabatino non riesce ad appoggiare la palla in porta, commettendo fallo su un difensore.

Ungheria – Italia 0-3 (18′ Giacinti, 43′ Giacinti, 54′ Serturini)

Ungheria (4-3-1-2): Bíró; I. Tóth (81′ B. Tóth), Turányi, Szabó, Csiki; Csiszár (cap.), Papp, Csányi (77′ Kiss); Zágor (46′ Fenyvesi); Kocsán (46′ Jakabfi), Kaján (46′ Zeller).
A disposizione: Szőcs, Samu, Mosdóczi, Tálosi, Pinczi, Fenyvesi, Németh, Vágó, Rácz.
Ct: Edina Markó.

Italia (4-3-3): Marchitelli; Guagni (cap.) (71′ Bursi), Fusetti, Linari, Boattin; Adami, Alborghetti (79′ Galli), Cernoia (64′ Bonfantini); Tarenzi, Sabatino, Giacinti (46′ Serturini).
A disposizione: Giuliani, Pipitone, Gama, Salvai, Bartoli, Giugliano, Bergamaschi, Bonansea, Mauro.
Ct: Milena Bertolini.

Foto: Figc.

Post Correlati

Leave a Comment