Uwcl | Rita Guarino: “Puntiamo a superare il turno”

Nella serata di mercoledì 12 settembre, alle ore 19:30 presso lo stadio Silvio Piola di Novara, la Juventus esordirà ufficialmente nella Uefa Women’s Champions League, dove affronterà il Brondby nei sedicesimi di finale.

Da Vinovo, per la consueta conferenza stampa che precede la sfida europea tra la formazione campione d’Italia in carica e il team danese, erano presenti l’allenatrice Rita Guarino e il capitano delle bianconere, Sara Gama.

Sul paragone tra campionato e Uwcl, Rita Guarino ha commentato così: “Il calcio femminile in Italia sta cambiando. Ci sono molte più squadre competitive e questo in futuro aiuterà tantissimo le nostre squadre e la nostra Nazionale nelle competizioni internazionali. Al momento è chiaro che il divario c’è, soprattutto nell’intensità del gioco e sulla competitività. Nel tempo ci sarà sicuramente modo di limare queste differenze, sicuramente siamo sulla strada giusta, ma bisogna proseguire così, innalzando sempre di più il livello. Per quanto riguarda i nostri obiettivi al momento siamo focalizzate su questa sfida e il nostro obiettivo è quello di superare questo turno”. 

Un pensiero ovviamente è andato anche a Martina Rosucci, fresca di intervento al legamento crociato del ginocchio sinistro: “Per noi la perdita di Martina sicuramente ha un peso specifico nella squadra. Non solo dal punto di vista calcistico, ma anche umano, perché è una giocatrice fondamentale nel gruppo con la sua leadership. Naturalmente ci sono altre giocatrici che potranno prendere il suo posto, quindi abbiamo diverse soluzioni tattiche”.

Sullo storico debutto europeo delle bianconere, a poco piu’ di un anno dalla nascita ufficiale della squadra, Sara Gama si è espressa con queste parole: “Sicuramente scriviamo un pezzo di storia, ma al momento siamo molto concentrate sul campo per raggiungere questo nostro primo obiettivo. La storia si scrive, ma lo si fa senza pensare che lo stai facendo. Siamo concentrate sul gioco”.

Un altro commento di Rita Guarino è andato proprio sul Brondby: “Ha esperienza, già semifinalista in un paio di occasioni e ha vinto diversi titoli nazionali. È una squadra ben preparata fisicamente e tecnicamente, occupa bene gli spazi, è fisica e veloce ma brava tecnicamente. Sono da rispettare, li abbiamo studiati bene e hanno dei punti deboli dove noi cercheremo di utilizzare le nostre armi”.

Sara Gama, successivamente, ha espresso la sua opinione su cosa può fare la differenza nella gara di domani sera: “Una qualità nostra sicuramente è la compattezza del gruppo e il fatto che l’ossatura del gruppo arrivi dall’anno scorso ci permette di continuare un sogno che viviamo dall’anno scorso. Il sogno cresce e se ne aggiungono e questa compattezza farà la differenza nei momenti difficili della gara, è una cosa che fa tanto nel calcio questa. Poi conta il lavoro, siamo qui da due mesi, ci mancano le partite. Non abbiamo giocato la Supercoppa che era in programma, ma abbiamo affrontato una serie di amichevoli e poi in Nazionale ci siamo abituati a un livello internazionale. Quindi vedo questo lato positivo”.

Infine, sul disputare la gara al Piola di Novara, scenario che ha visto la Juventus conquistare il suo primo scudetto nello spareggio vinto ai rigori con il Brescia nella scorsa stagione, l’allenatrice bianconera ha concluso la conferenza con queste parole: “Non c’è dubbio che ci saranno molti supporter anche a Novara, così come allo spareggio. Sono persone che si sono avvicinate prima per curiosità, poi hanno iniziato ad apprezzare le ragazze e la squadra. Sono dei fedelissimi e sono sicura che daranno il loro sostegno”.

Foto: profilo Twitter ufficiale Juventus Women

Post Correlati

Leave a Comment