Juventus, Eniola Aluko si presenta ai tifosi: “Impressionata dal progetto bianconero”

Appena arrivata a Torino [CLICCA QUI], il nuovo acquisto Eniola Aluko si dimostra entusiasta del progetto bianconero e ai microfoni della stessa Juventus dichiara: “Dopo essere stata sei anni al Chelsea volevo fare una nuova esperienza. Ho sempre giocato voluto giocare in Europa, soprattutto dopo aver disputato la Champions League e aver osservato gli stili di gioco delle altre squadre. So che la Juventus Women è una squadra nuova, con un nome e ambizioni importanti. Ero curiosa di conoscere il progetto bianconero e quando sono venuta qua in visita dopo aver parlato con Stefano Braghin sono rimasta davvero impressionata dalle ambizioni di questo club e da ciò che la Juventus sta facendo nel calcio femminile. Mi sento orgogliosa e onorata di aver compiuto questo passo, che volevo fare da tempo. Ho parlato con Katie Zelem, che è inglese come me, e mi ha detto cose molto positive sul club bianconero, dice di star vivendo una bellissima esperienza. Tutti nel mondo conoscono la Juventus e mi sono accorta della sua grandezza quando ho visitato il museo: è stato fantastico. Credo che mi ci siano voluti solo due giorni per comprendere la grandezza di questa società“. La calciatrice inglese racconta poi il suo modo di giocare: “Come attaccante credo di avere uno stile molto concreto: sono rapida e mi piace creare problemi ai difensori avversari cogliendoli alle spalle ma credo di essere anche una giocatrice tecnica e intelligente. Mi piace abbassarmi per giocare con i centrocampisti e posso giocare sia da esterno che da punta centrale. Mi piace adattarmi in ogni ruolo offensivo possibile ed essere una giocatrice versatile. Sono pronta per continuare a crescere“. La Vecchia Signora ora rivolge lo sguardo verso l’Europa: “La qualificazione alla prossima Champions League è stata un fattore determinante per la mia scelta. La competizione europea è diversa dal resto in quanto alle volte devi essere più attenta quando affronti le squadre migliori. Credo sia tutta una questione di mentalità e giocarla per quattro anni di fila con il Chelsea ti aiuta ad assumerne una vincente rispetto a quando disputi solo gare di campionato“. Qualcuno parla già di lei come di uno dei migliori talenti mai arrivati in Italia: “È un onore essere considerata uno dei migliori acquisti di sempre del calcio italiano femminile dall’estero. Ho già vissuto esperienze in cui sono stata considerata un pioniere e ciò non è una cosa che mi spaventa. Direi che la Juventus sia stata innovativa a creare una squadra femminile, vincere il campionato al primo anno qualificandosi per la Champions League. Questo contribuirà davvero ad alzare il livello delle altre squadre d’Italia, anche dal punto di vista della professionalità“.

Foto: Juventus.

Post Correlati

Leave a Comment