Serie A, Juventus 3 gol e 3 punti, la Fiorentina sprofonda

Non sono mancate – come ci saremmo aspettati – le emozioni in serie A. Nella prima giornata di ritorno del massimo campionato declinato al femminile, infatti, se non sono arrivati già i primi verdetti poco ci manca. La certezza è che Juventus e Brescia se la giocheranno fino alla fine, anche se c’erano pochi dubbi: nel pomeriggio di sabato, le Leonesse passeggiano sul Bari imponendosi 4-0: nonostante un primo tempo equilibrato, concluso “solo” con il gol di Sabatino al 39′, nella ripresa la formazione di Piovani non ha lasciato scampo alle biancorosse con gli acuti di Mendes e Giacinti – che in dieci minuti chiudono la pratica – e con il poker finale di Girelli.
Juve agganciata in classifica? Solo per poche ore: le bianconere, impegnate nel posticipo contro il Mozzanica, rispondono presenti e proseguono la loro marcia trionfale. 3-0 alle bergamasche grazie ad alcune delle frecce più acuminate all’arco di Guarino: Bonansea, Glionna e Caruso. 36 punti, solo vittorie, tre reti subite. Numeri che parlano da soli.

Dietro consolida il terzo posto il Tavagnacco, che torna a vincere dopo due sconfitte in fila e lo fa superando il Sassuolo di misura. A decidere la contesa è Camporese con un gol davvero prezioso: le gialloblu mettono nuovamente punti fra loro e la Fiorentina. Le viola, infatti, avevano recuperato sei punti nelle ultime uscite, ma si vedono sconfiggere a domicilio dal pericolante Verona: in vantaggio grazie a Guagni di testa, la formazione campione d’Italia si fa raggiungere e superare da una doppietta di Kostova, che risolleva le sorti delle scaligere e fa scivolare le gigliate. Con 19 punti, ormai, le residue ambizioni europee della Fiorentina sono da accantonare definitivamente.

Altro successo chiave in zona salvezza è quello della Res Roma, che si scrolla definitivamente di dosso un momento difficile portando via tre punti preziosi da Verona: a battere il Valpolicella ci pensa Martinovic dopo cinque minuti di gara. Le giallorosse salgono a 15 punti in piena zona tranquilla superando proprio la squadra di Zuccher che non sembra saper più fare punti. Infine, un pari bello ma che serve a poco quello fra Ravenna ed Empoli: due volte in vantaggio le biancorosse con Errico vengono raggiunte prima da Cinotti e poi da Mastalli, per un secondo tempo che ha acceso i riflettori sulle emozioni. Ora, con 8 punti in graduatoria per entrambe, però, servono prestazioni e punti ben diversi per provare ad evitare il baratro.

Post Correlati

Leave a Comment