Res Roma, Melillo: “Arbitraggio inadeguato. La serie A merita di meglio”

Settima giornata di campionato amara per la Res Roma. Nella trasferta di Bari, le giallorosse perdono 1-0. A decidere, una rete di Quazzico all’80’ che vale la prima vittoria stagionale per la Pink Bari. Gara caparbia, combattuta, avvincente e ricca di emozioni, ma la delusione di Fabio Melillo a fine partita è evidente: “Un match purtroppo condizionato da una direzione di gara debole, priva del decisionismo e del rispetto che merita una partita di A. Le ragazze hanno giocato bene finché ci è stato permesso, penso che su questo campo neanche la Juve ha creato ciò che abbiamo creato noi, mettendo in mostra in velocità una sequenza di azioni che solo sfortuna e imprecisione hanno voluto che non si tramutassero in gol. Abbiamo lottato ma devo annotare, nel giudicare la prestazione, che non ci è stato permesso di giocare a calcio a causa dell’interpretazione arbitrale: non è la prima volta che succede, probabilmente le ragazze del Bari sono più scaltre ed esperte ed hanno approfittato di questa situazione; brave loro ma il mio calcio è altro, spero di non vedere più vanificati lavoro e sacrifici da situazioni esterne al gioco come quelle di oggi. Venti minuti finali (non che prima abbia fatto meglio) dove è stato permesso di fare di tutto, a furia di regalare palle da fermo ha permesso loro di fare gol. Esco deluso, praticamente Pipitone non ha fatto una parata e noi abbiamo avuto sette/otto occasioni nitide; purtroppo abbiamo gente giovane in campo che ancora non è avvezza a certe cose. Ringrazio le ragazze per impegno e qualità e guardo avanti, anche se c’è amarezza immensa per quello che capita settimanalmente in questa categoria, e lo dico per tutti, meritiamo qualità diversa: oggi poteva finire veramente male in campo con quello che è stato fatto. Meriti, alla fine, all’intelligenza delle calciatrici”.

 

Post Correlati

Leave a Comment