Archiviata la quinta giornata di Serie A: le impressioni in casa UPC Tavagnacco

Archiviata la quinta giornata di Serie A. Schiaccianti le vittorie dell’ Agsm Verona contro il Bari e del Brescia a discapito del Sudtirol. La Res Roma vince 2-0 con il Riviera di Romagna, e, il San Zaccaria batte 4-0 il Vittorio Vento. Pareggiano invece Mozzanica – Fiorentina e Tavagnacco – Luserna. Entrambe 2-2.

E’ proprio il pareggio con il Luserna a tagliare le gambe e a lasciare un po’ di amaro in bocca in casa Tavagnacco. Quello di sabato, è un 2 a 2 che sta stretto a una squadra che vuole lottare per rimanere alta in classifica e giocarsela fino alla fine per conquistare i primi posti.
Elisa Camporese, leader indiscusso del team giallo-blu, sintetizza così il suo pensiero: “Per vincere bisogna sicuramente fare qualcosa in più. Contro il Luserna abbiamo sofferto e non siamo riuscite a esprimere un gioco fluido. Le nostre avversarie si sono impegnate molto e ci hanno messo in difficoltà a livello tattico. Si sono chiuse e hanno dimostrato di sapersi difendere bene. Non si può reagire solo quando si prende un gol, ma dobbiamo imparare a tenere alto il ritmo dall’inizio della partita. Non possiamo pensare, poi, di continuare a prendere gol sempre alla stessa maniera: stiamo lavorando molto su determinate situazioni ma continuiamo a sbagliare. Dobbiamo fare tutti un esame di coscienza, calare le orecchie e metterci a lavorare.” Conclude: “Dispiace soprattutto per il nostro pubblico”.

Michela Martinelli aggiunge: “Quando incontriamo squadre che riescono a chiudersi bene e a pressarci facciamo fatica a far girare palla e a distenderci, e quindi non riusciamo a mettere in difficoltà l’avversario. Questa è una pecca della squadra, che potrà essere risolta solo con l’allenamento”.

Alessia Tuttino, colonna della difesa gialloblu, è una delle giocatrici in formazione con maggiore esperienza. Nessuna meglio di lei può dirci la sua sulle potenzialità del Tavagnacco. Un Tavagnacco che ci sta mettendo più tempo del previsto a ingranare la marcia.

“Ci manca sicuramente continuità, ma con una squadra giovane l’avevamo messo in conto. Un reparto importante come la difesa, ad esempio, è stato cambiato quasi in toto. E’ normale, quindi, che ci siano alti e bassi. Forse ci aspettavamo qualche prestazione migliore ma non dobbiamo abbatterci, anzi, è il momento di cominciare a giocare come sappiamo. C’è bisogno di tranquillità e di fiducia. In squadra sono arrivate calciatrici abituate a lottare per non retrocedere, dove ogni risultato negativo può diventare un peso.” La Tuttino conclude con grandi aspettative future: “Qui a Tavagnacco non serve avere paura, nemmeno dopo prestazioni sottotono: lo ribadisco, servono solo fiducia nei propri mezzi e tranquillità. Mi aspetto che la squadra cominci a capire che può fare bene e dire la sua con chiunque. Se riusciremo a sbloccarci, credo che ci sarà da divertirsi.”

 

Fonte e foto: UPC Tavagnacco

Post Correlati

Leave a Comment