Nazionale U17 | L’Italia pareggia 0-0 anche con la Polonia

Dopo il pareggio con la Spagna all’esordio [CLICCA QUI], la Nazionale Under 17 bissa lo 0-0 contro la Polonia. Le Azzurrine vanno vicine al gol al 22′ con Tomaselli, che dopo una bella azione corale di Pucci e Tamborini, chiama Kierul alla difficile deviazione in tuffo. Le polacche rispondono con un tiro di Kiszkis dalla lunga distanza che si infrange sulla traversa. L’Italia ci prova ancora con Bragonzi e Tamborini senza successo. Nella ripresa Achcińska e compagne provano a sovvertire l’andamento della gara ma Forcinella fa buona guardia negando il gol a KiszkisBiskup. Nel finale di gara le Azzurrine si riaffacciano dalle parti di Kierul prima con la neo entrata Fracas, il cui tiro potente ma centrale termina tra le braccia del portiere, e poi con Bragonzi, anticipata da un’uscita tempestiva dell’estremo difensore.

Apprensione dello staff italiano per Corrado, uscita anzitempo dal terreno di gioco a causa di uno scontro fortuito con Homa. L’impatto tra le teste delle due giocatrici non ha fortunatamente avuto gravi conseguenze per nessuna.

Non è soddisfatto della prestazione il commissario tecnico Massimo Migliorini, che al termine della sfida ai microfoni della Figc spiega: “Noi andiamo in campo per giocare bene ogni incontro, ma oggi non ci siamo riusciti. Abbiamo fatto bene i primi venti minuti, poi ci siamo fatti prendere dal nervosismo ed abbiamo sbagliato troppi passaggi facili. Le ragazze si sono intestardite e sono entrate in confusione: se nel primo tempo abbiamo avuto occasione di andare in gol, nella ripresa siamo stati anche fortunati a non prenderlo“.

Con la vittoria della Spagna sull’Inghilterra, Italia e Polonia si trovano ora appaiate a quota due punti. Ripamonti e compagne, per avere la certezza di approdare alle semifinali, dovranno vincere contro le inglesi. In caso di pareggio, infatti, dovrebbero attendere il finale della sfida tra spagnole e polacche per conoscere il loro destino.

L’Italia si qualifica alle semifinali se:
1. vince contro l’Inghilterra;
2. pareggia contro l’Inghilterra e contemporaneamente Spagna e Polonia pareggiano segnando almeno sei gol in meno di italiane e inglesi (esempi: Spagna – Polonia 0-0, l’Italia contro l’Inghilterra necessita di un 3-3, 4-4, 5-5 o di un pareggio con più gol; Spagna – Polonia 1-1, l’Italia contro l’Inghilterra necessita di un 4-4, 5-5, 6-6 o di un pareggio con più gol);
3. pareggia contro l’Inghilterra e contemporaneamente Spagna e Polonia pareggiano segnando quattro gol in meno di italiane e inglesi (esempi: Spagna – Polonia 0-0 e Italia – Inghilterra 2-2 oppure Spagna – Polonia 1-1 e Italia – Inghilterra 3-3 e così via). Le Azzurrine, in questo caso, dovrebbero inoltre avere un minor o uguale (in questo caso sarebbe il ranking Uefa, in cui l’Italia è avanti alla Polonia, a decidere il passaggio del turno) punteggio disciplinare (un punto per ogni ammonizione e tre punti per ciascuna espulsione, sia diretta che per doppio giallo, ricevute) delle polacche risultando nella circostanza pari per scontri diretti, differenza reti generale e numero di gol segnati. Al momento l’Italia è però in svantaggio, a causa dei due punti dovuti alle ammonizioni ricevute da De Biase e Tamborini contro le spagnole mentre l’unica polacca ammonita è stata Achcińska proprio nel match contro le ragazze di Migliorini.

Risultati e programma gare gruppo 2:
Italia – Spagna 0-0
Polonia – Inghilterra 2-2 (48′ Filipczak, 80’+2′ Tomasiak – 58′ Park, 68′ Mckenzie)
Spagna – Inghilterra 2-1 (4′ Montes, 70′ Navarro – 26′ Salmon)
Polonia – Italia 0-0
Italia – Inghilterra [15 maggio, ore 12.00]
Spagna – Polonia [15 maggio, ore 12.00]

Classifica gruppo 2:
Spagna 4, Polonia 2, Italia 2, Inghilterra 1.

Polonia – Italia 0-0

Polonia (4-3-3): Kierul; Zieniewicz, Silny, Homa (67′ Sokołowska), Radochońska (41′ Konkol); Biskup, Achcińska (cap.), Filipczak (53′ Oleksiak); Kiszkis, Kozak, Tomasiak.
A disposizione: Kaźmierczak, Glinka, Cichy, Buszewska, Padilla Bidas, Legowski.
Ct: Nina Patalon.

Italia (4-3-3): Forcinella; Donda, Ripamonti (cap.), Corrado (64′ Orlando), Mele; Tomaselli, De Biase (69′ Battelani), Bellucci; Pucci (54′ Fracas), Tamborini, Bragonzi.
A disposizione: Beretta, Boglioni, Morreale, Ladu, Severini, Landa.
Ct: Massimo Migliorini.

Arbitro: Hristiana Guteva (Bulgaria).
Assistenti: Sandra Österberg (Svezia), Diana Vanaga (Lettonia).
Quarto ufficiale: Irena Velevačkoska (Macedonia).

Ammonizioni: 77′ Achcińska (Polonia).
Espulsioni: nessuna.

Foto: Figc.

Related posts

Leave a Comment